Prima Vacanza Non Si Scorda Mai 0

La Prima Vacanza Non Si Scorda Mai, le riflessioni sulla coppia di Patrick Cassir

Arriverà nelle sale italiane il 20 giugno, dopo l’anteprima nazionale nell’edizione 2019 del Biografilm Festival – International Celebration of Lives di Bologna, la frizzante commedia francese La Prima Vacanza Non Si Scorda Mai diretta da Patrick Cassir con protagonisti Camille Chamoux e Jonathan Cohen.

Il film

Marion (Camille Chamoux) e Ben (Jonathan Cohen) hanno trent’anni, vivono a Parigi, e si conoscono su Tinder e questo è praticamente tutto ciò che hanno in comune. La verità è che non potrebbero essere più diversi: lei è intrepida e ama l’avventura, lui è ordinato e ipocondriaco. Ma gli opposti si attraggono e, dopo una notte di sesso sfrenato, decidono di trascorrere insieme le loro vacanze estive: a metà strada tra le loro destinazioni da sogno, Beirut per Marion, Biarritz per Ben, finiranno per ritrovarsi in Bulgaria. Tra ostelli hippy, spiagge affollate e sport estremi, il viaggio di Marion e Ben si trasformerà in un’avventura on the road trascinante e rocambolesca, un’esperienza indimenticabile nel bene e nel male.

Patrick Cassir 

Ecco un estratto dell’intervista rilasciata da Patrick Cassir.

Com’è nata l’idea della storia di La Prima Vacanza Non Si Scorda Mai?

Volevo parlare dei valori all’interno della coppia: si può vivere con qualcuno molto diverso da te, qualcuno con cui non condividi opinioni politiche, o il modo in cui vivere la quotidianità? Tutte queste cose costituiscono l’intimità: il rapporto con la vita intestinale, l’ossessione o meno della buona salute, il comfort, il modo di dormire o di non voler mai andare a letto, i rituali o l’assenza di rituali. Ho scritto la sceneggiatura insieme a Camille e ci è parso che le vacanze fossero il contesto ideale per porsi queste domande: è il momento in cui tutti questi piccoli modi di vivere vengono esacerbati, inevitabili! E soprattutto, c’è la cosa insostituibile: l’esperienza vissuta!

Prima Vacanza Non Si Scorda Mai 1

Il mood del film è incarnato dal personaggio di Camille Cottin che afferma: “La vacanza mette a dura prova una coppia. Strano modo di cominciare”. Nella prima parte, si gioca con l’idea che la coppia si ritrova alle prese con la trivialità del quotidiano…

Ma le vacanze sono la peggiore prova per la coppia! Fate un sondaggio, è così! In ogni caso, è spesso il primo test per le coppie appena nate e il canto del cigno delle coppie che hanno difficoltà … quel momento in cui sei in vacanza e dici: “Ma cosa c’entro con questa persona? Non va per niente! Ma per quanto riguarda la trivialità, in vacanza mi piacerebbe poter discutere in vacanza solo dei libri che abbiamo letto o dei film che ci sono piaciuti, ma dopo due giorni arriva inevitabilmente. Perché la regolarità intestinale, ad esempio, fa parte delle vacanze! E quando vai in luoghi esotici, può diventare un’ossessione! È imprescindibile dal viaggio e terreno fertile per una commedia.

Sei al passo con i tempi in questo film. Internet e i portatili hanno cambiato il modo di viaggiare…

Questa è l’altra sfida del film: esplorare con la modernità le vacanze che si fanno oggi. Ci sono gli autentici che amano viaggiare ospitati dagli autoctoni e rifiutando lo status di turisti, quelli con lo zaino in spalla che alloggiano negli ostelli e le pensioni in giro per il mondo, quelli che cercano solo relax, comfort o lusso… Mettendo a confronto Ben e Marion con questi diversi tipi di viaggio, è venuto fuori un piccolo barometro delle loro concessioni: cosa avrebbero scelto?

Prima Vacanza Non Si Scorda Mai 2

I personaggi si incontrano su Tinder, viaggiano usando AirBnb e scelgono i ristoranti consultando TripAdvisor. Tra le righe si intuisce un mondo che dà l’illusione di avvicinare le persone, accorciare i tempi e cancellare le frontiere…

Sì, tendiamo ad appropriarci al mondo attraverso il nostro telefono. Camille gioca con questa tendenza anche nei suoi spettacoli. E io ho bisogno che una commedia sia in sintonia con lo stato della società in cui viviamo. Era un’ossessione per me e Camille. Avremmo potuto raccontare di un uomo e una donna su un bateau-mouche ma oggi tutti i nostri amici si incontrano su Tinder! Non si può tralasciare questa cosa. E non è facile filmare questo tipo di incontri. Oggi tutto va molto velocemente. Spero che il film restituisca questa immediatezza: si incontrano, vanno a letto insieme e partono per le vacanze, tutto in tempi record.