operation-chromite-0

Liam Neeson Generale leader dell’Operation Chromite di John H. Lee

Liam Neeson è il protagonista di Operation Chromite, la pellicola diretta da John H. Lee – dal 20 luglio al cinema –  tratta da una storia vera, racconta la storia della missione segreta che liberò la Corea del Sud dall’invasione nordcoreana.


25 giugno 1950, la Corea del Nord invade la Corea del Sud con l’aiuto di Cina e Russia.  Seul, capitale della Corea del Sud, cade in 3 giorni e il resto del paese a nord del  fiume Nakdong, in un mese. Per rispondere all’attacco nordcoreano il Generale MacArthur (Liam Neeson), Comandante delle forze ONU, pianifica uno sbarco nella città portuale di Incheon. L’operazione, con il nome in codice di Operation Chromite, ha pochissime probabilità di successo, ma assicurarsi Incheon è l’unico modo per cambiare le sorti della guerra.

Sotto la guida di MacArthur, l’unità segreta speciale “X-RAY” riesce a infiltrarsi nella città di Incheon, occupata dai nordcoreani, per preparare lo sbarco delle forze ONU. 7 soldati insieme al capitano Jang Hak-soo (Lee Jung-jae) si fingono nordcoreani e cominciano a raccogliere informazioni importanti, ma quando la loro copertura salta, rimane soltanto un’ultima possibilità per condurre le forze delle Nazioni Unite a Incheon.

operation-chromite-1

Dopo che Seoul cadde sotto l’invasione nordcoreana in soli 3 giorni, la Corea del Sud fu obbligata a ritirarsi nella punta meridionale della penisola. L’Operation Chromite fu progettata per tagliare la linea di approvvigionamento che dal Nord della Corea procedeva verso sud, costringendoli alla ritirata oltre il confine. La missione cominciò alla mezzanotte del 15 settembre 1950, nella città di Incheon. Insieme alla Normandia, questa fu una delle più grandi operazioni di sbarco della storia.

Il film racconta questa drammatica invasione e racconta la storia inedita degli uomini che sacrificarono le loro vite per la libertà della Corea del Sud, basandosi su fatti realmente accaduti. Il Generale MacArthur condusse una flotta di 261 navi da guerra ONU e oltre 75.000 soldati in un’operazione che veniva considerata impossibile. Avevano infatti soltanto due ore di tempo per sbarcare vittoriosamente sulle coste di Incheon.

operation-chromite-2

Operation Chromite focalizza l’attenzione su un aspetto della Guerra di Corea poco conosciuto, e dunque più che configurarsi come un film di guerra tradizionale, diventa un film su un’operazione segreta che ha dato il via all’invasione. Gran parte della tensione del film proviene dalla missione sotto copertura del protagonista Jang Hak-soo, infiltrato come Capitano di Ispezione nordcoreano e dalla volontà del comandante coreano Lim Gye-jin di scoprire la vera identità di Jang, sentendolo vicino, ma non abbastanza da poterlo considerare alleato. Essendosi infiltrato nel centro di comando nordcoreano, è compito di Jang e dei suoi uomini ottenere una mappa navale delle mine, così da poter dare inizio allo sbarco della flotta ONU.

Liam Neeson ha lavorato instancabilmente per trasformarsi nel carismatico e solenne Generale Douglas MacArthur: “mi interessa il tema del film e in particolare sono stato catturato dal carattere di Mac Arthur – racconta l’attore – era un incredibile soldato e un leader nato. Amava i coreani e combatté per la loro libertà. Sono rimasto completamente stregato del suo personaggio”.

operation-chromite-3

John H. Lee ha portato sul grande schermo la storia mai raccontata della battaglia storica di Incheon, mantenendo alta la tensione e catturando tutta la drammaticità dello sbarco a Incheon che, insieme a quello in Normandia, viene considerato una delle più grandi operazioni della storia. Il regista ha sempre considerato Operation Chromite non solo un film di guerra: “è anche un film sull’umanità. Innumerevoli vite furono sacrificate per rendere l’operazione un successo. È stata una sfida significativa raccontare le loro storie”.