wenders-retrato

Orso d’Oro alla Carriera per Wim Wenders: Berlino e il cinema gli rendono omaggio

La sua opera variegata copre diversi generi e ha plasmato la nostra memoria cinematografica” ha affermato Dieter Kosslick, Direttore della Berlinale. Il cineasta a cui si riferisce è Wim Wenders che il prossimo 12 febbraio ritirerà l’Orso d’Oro alla Carriera. Questa massima onorificenza verrà celebrata alla 65esima Berlinale con la proiezione di 10 titoli fondamentali della sua filmografia, completamente restaurati e digitalizzati.


E due dei capolavori della speciale line-up prevista a Berlino arriveranno anche in Italia come tributo alla carriera di uno dei più grandi registi viventi. Mercoledì 18 e mercoledì 25 febbraio, pochi giorni dopo la premiazione di Berlino, verranno infatti proposti nelle sale italiane nella loro versione restaurata e digitalizzata Il Cielo Sopra Berlino (Premio per la Miglior Regia a Cannes nel 1987 che sarà proiettato solo per un giorno il 18 febbraio) e Paris, Texas (Palma d’Oro a Cannes nel 1984 che verrà proposto solo per un giorno il 25 febbraio). Il doppio appuntamento permetterà così anche agli spettatori italiani di rivedere su grande schermo due dei capolavori del visionario Wim Wenders (elenco sale su www.nexodigital.it).

"Il Cielo Sopra Berlino"

“Il Cielo Sopra Berlino”

È dunque il momento di tornare a incontrare in sala Marion (Solveig Dommartin), gli angeli Damiel e Cassiel (Bruno Ganz e Otto Sander) e Peter Falk nei panni di se stesso (nonché di un ex angelo), tutti indimenticabili protagonisti de Il Cielo Sopra Berlino che troveremo al cinema il 18 febbraio, a pochi mesi dall’anniversario della caduta del Muro di Berlino: un sincero inno alla vita terrena e alla bellezza della capitale tedesca.

Ma incontreremo anche Travis (Harry Dean Stanton), Jane (Nastassja Kinski), Walt (Dean Stockwell), Anne (Aurore Clemént) e Hunter (Hunter Carson) di Paris, Texas, un film sul ricordo, un road movie scritto con Sam Shepard che (anche grazie alla memorabile colonna sonora di Ry Cooder) avvolge lo spettatore in un viaggio sul passato che ritorna e sulla possibilità di trasformarlo in un presente di speranza.

"Paris, Texas"

“Paris, Texas”

Negli anni ’60 e ’70 Wim Wenders, assieme a Fassbinder, Herzog e tanti altri, ha fatto parte della giovane generazione di cineasti che ha dato vita al cosiddetto Nuovo Cinema Tedesco. Lavorare sullo sfondo della crisi del cinema tedesco in quel tempo ha permesso a Wenders di sviluppare nuove forme estetiche e di avventurarsi nel mondo della produzione e della distribuzione indipendente. Tra gli ultimi successi di Wenders sono da ricordare Pina 3D, tributo alla celebre Pina Bausch, e Il Sale della Terra, documentario in corsa ai prossimi Oscar e dedicato all’opera di Sebastião Salgado.

Dopo Berlino e l’Italia, anche il Museo d’Arte Moderna di New York onorerà il prossimo marzo Wim Wenders con una retrospettiva sui film nati dalla collaborazione con lo scrittore amico Peter Handke presenti nella sezione Homage di Berlinale 2015 che sarà poi ripresentata al Film Museum di Düsseldorf.

"Every Thing Will Be Fine"

“Every Thing Will Be Fine”

Il 12 febbraio a Berlino, giorno della consegna dell’Orso d’Oro alla Carriera, verrà inoltre presentato – in anteprima assoluta e Fuori Concorso – il suo ultimo film Every Thing Will Be Fine con James Franco e Charlotte Gainsbourg, interamente girato negli USA. E proprio agli Stati Uniti è dedicata la sua mostra a Varese Wim Wenders. America. Il prossimo 14 agosto Wenders compirà 70 anni.