pier-francesco-favino-close-yor-eyes

Shut. Close Your Eyes, in Mostra a Venezia gli scatti alle celebrities ad occhi chiusi

Solo domani, venerdì 1 settembre, verrà aperta al pubblico (l’ingresso è gratuito, dalle 10 alle 16.00) la mostra fotografica Shut. Close Your Eyes ospitata all’interno di Casa Pegaso (Villa Il Nidiolo, Via Candia 14, Lido di Venezia). La sede operativa dell’Università Telematica Pegaso, dove in questi giorni si stanno svolgendo Masterclass con i professionisti di settore, eventi e conferenze stampa, aprirà i battenti al pubblico della kermesse, che potrà così ammirare gli splendidi scatti fotografici realizzati dal fotografo delle celebrities Adolfo Franzò.

shut-close-your-eyes-2
Celebri volti del cinema, e non solo, ritratti ad occhi chiusi. 32 quelli in mostra al Lido di Venezia. Star internazionali come Robert De Niro, Susan Sarandon, James Franco, Nicole Kidman eMatthew McConaughey. Stelle nostrane come Monica Bellucci, Valeria Golino, Francesco Favino e Sergio Castellitto. Una raccolta di scatti imprevedibile ed emozionante, frutto di oltre trent’anni di lavoro al fianco di grandi star, divenuta anche libro. Un libro-catalogo che prende il titolo dalla Mostra (Shut. Close Your Eyes) e che verrà presentato domani alle 12.00 alla presenza del fotografo Adolfo Franzò e di Laura Delli Colli che modererà l’incontro aperto al pubblico.

shut-close-your-eyes

Il catalogo che verrà presentato in esclusiva domani ha una prefazione firmata da Pierfrancesco Favino. Parole vibranti quelle del nostro attore, capaci di racchiudere i significati più profondi della Mostra e le sensazioni che è in grado di suscitare.

“Gli occhi sono lo specchio dell’anima” …Sappiamo tutti cosa vogliamo dire con questo, eppure non so perché quando sento questo adagio c’è qualcosa che non capisco fino in fondo. Voglio dire: se gli occhi sono lo specchio, l’anima dov’è? Fuori dagli occhi o dentro di loro? Gli occhi sono lo specchio dell’anima di chi si ha davanti o l’anima è chiusa dietro agli occhi di chi è guardato e come in uno specchio di un dipinto fiammingo se ne possono cogliere i dettagli nascosti se si osserva bene? E se invece fosse un’altra cosa ancora? Se l’anima, invisibile a noi stessi, traspare nel nostro guardare il mondo e nel nostro esser guardati, cosa accade nel momento in cui chiudiamo gli occhi? In cui la luce non è quella che proviene da fuori ma quella che ci illumina da dentro. Adolfo Franzò ha sorpreso, chiesto, suggerito a una serie di volti più o meno conosciuti di scoprire per un attimo se quella loro luce fosse accesa. Questo è il racconto fotografico di quanto è loro accaduto. Buon viaggio”.

(Pier Francesco Favino)