equlibrium-1

Un Mimmo Borrelli senza paura ne L’Equilibrio di Vincenzo Marra

Dopo La Prima Luce, il regista Vincenzo Marra torna oggi a Venezia per presentare – in Concorso a Le Giornate Degli Autori – L’Equilibrio, pellicola che ha come protagonisti Mimmo Borrelli e Roberto Del Gaudio. Il film uscirà al cinema il prossimo 21 settembre.

Giuseppe (Mimmo Borrelli), un sacerdote campano già missionario in Africa, opera in una piccola diocesi di Roma. Messo in crisi nella sua fede, chiede al vescovo di essere trasferito in un comune della sua terra e, così, viene spostato in un piccolo paesino del napoletano. Giuseppe prende il posto del parroco del quartiere, Don Antonio (Roberto Del Gaudio), un uomo dal grande carisma e dalla magnifica eloquenza, ascoltato e rispettato da tutti perché combatte una battaglia contro i sotterramenti illegittimi di rifiuti tossici.

Don Antonio per meriti acquisiti sta per essere trasferito a Roma. Prima di partire introduce Giuseppe nella dura realtà del quartiere. Una volta rimasto solo, il sacerdote si dà da fare cercando di aiutare in tutti i modi la comunità, fino a quando scopre la scomoda realtà di quel luogo. Giuseppe decide di seguire il suo percorso spirituale senza paura e, malgrado la grande tenacia e il coraggio, si scontra con un ambiente molto duro che lo metterà spalle al muro.

Mimmo Borrelli

Mimmo Borrelli

L’Equilibrio di Vincenzo Marra racconta, usando le sue parole, “il dilemma su quale sia la scelta giusta da fare in una terra “abbandonata”“. Per disegnare il protagonista del film, Don Giuseppe, il regista si è ispirato non solo all’osservazione della realtà, ma anche a un percorso cristologico: “Don Giuseppe è sostanzialmente un uomo che non ha paura, lui, come un monolite, va avanti, la sua luce sono la fede e i principi in cui ha sempre creduto. Come tutti gli esseri umani, però, è pervaso da dubbi e tentazioni, ma rispetto alle scelte, al suo percorso spirituale, non si fa mettere in crisi da niente e da nessuno pur di aiutare il prossimo“.

“Don Giuseppe non cerca il martirio, non vuole emulare Gesù, ma semplicemente va avanti passo dopo passo, senza paura”.

Vincenzo Marra