LA LINEA VERTICALE_Valerio Mastandrea e Greta Scarano_DSC9050

Valerio Mastandrea affronta La Linea Verticale di Mattia Torre

Valerio Mastandrea è il protagonista di La Linea Verticale, una serie – scritta e diretta da Mattia Torre – che racconta, in tono surreale e satirico, la vita quotidiana del reparto di urologia oncologica di un ospedale italiano. La storia è raccontata dal punto di vista dei pazienti che, tramite uno stile di racconto libero e formalmente spregiudicato, dipingono un affresco realistico dei casi clinici e, soprattutto, di quelli umani. La serie di 8 episodi della durata di 25 minuti sarà online dal 6 gennaio su RaiPlay e andrà in onda in 4 prime serate dal 13 gennaio su Rai 3.

La linea verticale_Valerio Mastandrea_DSC5662

Il protagonista è Luigi (Valerio Mastandrea) che scopre di avere un tumore e per questo deve sottoporsi a un delicato intervento chirurgico. Attraverso lo sguardo di Luigi entriamo in un mondo, quello dell’ospedale, di cui tutti conosciamo approssimativamente le regole ma che, esplorato in profondità, riserva straordinarie e tragicomiche sorprese. La serie si concentra soprattutto sulle vite dei pazienti, non solo quella di Luigi, ma anche dei suoi improbabili compagni di viaggio: un iraniano dalle convinzioni radicali, un ristoratore che sa tutto di medicina, un prete in crisi, un intellettuale taciturno, decine di anziani “cattivi perché in cattività”.

E poi c’è il personale del reparto, tutti gli addetti che convivono giorno dopo giorno in questo microcosmo fuori dal mondo che ha regole e gerarchie proprie, e rapporti di forza che vengono messi alla prova ogni giorno. Qui sono tutti operativi, tutti in lotta, ognuno con i propri mezzi. I medici e gli infermieri per curare i pazienti, i pazienti per guarire e per vivere la vita.

LA LINEA VERTICALE_Ninni Bruschetta e Massimo Wertmuller_DSC6225

La Linea Verticale nasce da un’esperienza ospedaliera autobiografica che ha vissuto Mattia Torre: “ma più che dall’esigenza di raccontare una vicenda personale, il desiderio è stato di raccontare, nell’Italia di oggi, un reparto oncologico di un ospedale pubblico di assoluta eccellenza, capitanato da un chirurgo che ribalta il cliché del primario barone arrogante e scollato dalla realtà, e che anzi rappresenta, per gentilezza, generosità e amore verso il proprio mestiere, l’idea di un’altra Italia possibile. La Linea Verticale, pure in un contesto doloroso e tragico, racconta la malattia come un’occasione di crescita, di apprendimento, e persino di riscatto”.