EQUALS_30_095_sRGB-Copia

VENEZIA 72 – Kristen Stewart nella società senza amore di Equals

Oltre a L’Attesa di Piero Messina ed alla Danish Girl di Tom Hooper, terzo grande film in Concorso oggi alla Mostra di Venezia è il provocatorio Equals di Drake Doremus che vede impegnati nel cast Kristen Stewart, Nicholas Hoult, Guy Pearce e Jacki Weaver.

Kristen Stewart in "Equals"

Kristen Stewart in “Equals”

La storia si svolge in una utopica società del futuro nota come “il Collettivo” in cui le emozioni più profonde sono state geneticamente disattivate per promuovere una cultura di stabilità e non violenza. Una parte della popolazione – inclusi i protagonisti del film – è però immune alla manipolazione genetica e può ancora, di conseguenza, innamorarsi. Circondati da persone educate ad essere pacifiche e prive di emozioni, un uomo e una donna scoprono di provare dei sentimenti l’uno per l’altra. Insieme tentano di capire cosa sia questo legame che li unisce.

Con questo film Drake Doremus ha tentato di conoscere l’inconoscibile, ponendosi e ponendoci diverse domande: è possibile modificare l’anima umana? L’anima cambia nel corso del tempo? Oppure, al contrario, è immutabile per il suo innato desiderio di amare e di essere amata a sua volta? Il regista, che ha voluto creare un tono e un’atmosfera che avvolgessero lo spettatore in modo da fargli esperire il film prima di tutto a livello sensoriale, ha spiegato: “sono ossessionato dall’idea che siamo qui per cercare di capire quest’esperienza semplice, eppure estremamente complessa, di essere umani, di persone nate con la capacità di amare”.

"As I Open My Eyes"

“As I Open My Eyes”

Nelle Giornate degli Autori segnaliamo As I Open My Eyes di Leyla Bouzid, film ambientato a Tunisi nel 2010, pochi mesi prima della Rivoluzione. Protagonista è la ribelle diciottenne Farah che rifiuta di iscriversi a Medicina contro il volere della madre per cantare in un gruppo politico rock. Sempre nella stessa sezione verrà anche presentato Harry’s Bar di Carlotta Cerquetti, documentario sullo storico locale di Venezia nato nel 1931 e divenuto monumento nazionale nel 2001: in ottanta anni di storia ha visto passare scrittori, pittori, registi, divi del cinema, re, regine e tanti buongustai, diventando una sorta di leggenda.