Gauguin 0

Vincent Cassel è Gauguin, arte esotica, anima selvaggia

Dal 17 settembre 2020 Draka Cinema porta nelle nostre sale Gauguin, la pellicola sul maestro del post-Impressionismo Paul Gauguin, interpretato da un vibrante Vincent Cassel. Il film, diretto da Edouard Deluc, è liberamente tratto da Noa Noa: The Tahiti Journal of Paul Gauguin.

Il film

1891. Paul Gauguin (Vincent Cassel) lascia la Francia alla ricerca di nuovi stimoli per la sua pittura, di nuovi paesaggi e suggestioni che valga davvero la pena dipingere; vuole vivere libero, selvaggio, lontano dai codici morali, politici ed estetici della vecchia Europa. Si perde nella giungla e nella natura primitiva di Tahiti, sfidando la solitudine, la povertà, la malattia. Qui incontra Téhura (Tuhei Adams), una giovane del luogo che diventerà sua moglie e la musa che ispirerà i suoi capolavori.

Vincent Cassel, un pittore nel cinema

Vincent Cassel ha descritto così il “suo” Paul Gauguin:

“Gauguin ha perso tutto. Ha sacrificato la sua famiglia, la sua salute e la sua carriera sull’altare della sua arte. Si esaurì alla ricerca di ciò che chiamava “primitivo” o “selvaggio”. Si è messo dalla parte sbagliata per tutti, compresa la comunità tahitiana, nella quale avrebbe voluto vivere ma che lo ha respinto come un anticorpo. È stato visto contemporaneamente come un mostro e un personaggio insolito. Eppure, le sue tele e la sua tavolozza contrastante e vibrante riproducono qualcosa di profondamente vivo ma senza fare affidamento sul realismo, e sono passate ai posteri. L’ho ritratto senza giudizio, anche se ha fatto cose che io non avrei fatto. Si è bruciato. Ma non poteva fare diversamente”.

Gauguin 1

Edouard Deluc

Vi presentiamo qui sotto l’intervista rilasciata dal regista del film, Edouard Deluc.

Da dove nasce il suo desiderio di fare questo film?

Dalla mia scoperta di “Noa Noa”, il racconto illustrato che Gauguin produsse nel suo primo soggiorno a Tahiti dal 1891 al 1893. È un’opera letteraria di grande poesia, un racconto di avventure con un tocco di romanticismo mozzafiato. È una sorta di diario privato, scritto con grande umanità, sulle sue esperienze tahitiane, in cui combina racconti, impressioni, pensieri, questioni politiche, questioni artistiche, schizzi e acquerelli. In definitiva, è una sorta di sontuosa dichiarazione d’amore per Tahiti, per i tahitiani e per la sua Eva tahitiana. Nel 2012 sono tornato a “Noa Noa”, poi a tutti gli altri scritti di Gauguin e alla corrispondenza con sua moglie e gli amici. Da tutto quel materiale è emerso il profilo di un personaggio visionario e stimolante, che ha abbracciato la modernità mettendola continuamente in discussione.

Gauguin era un viaggiatore dell’anima…

È impossibile riassumerlo in una semplice formula. Era una figura eccezionale alla ricerca di un sogno edonistico. Voleva liberarsi da tutte le convenzioni, morali, artistiche o politiche. Voleva tornare alla vita da selvaggio che aveva già condotto in Bretagna, Panama e Martinica e che lo ha fatto emergere sulla scena artistica. Nel 1891 compì una scelta radicale e definitiva, insieme sacrificale e ricca di ispirazione. Ha lasciato Parigi per la Polinesia, dove ha dipinto con passione, nella totale indifferenza del mondo dell’arte europeo. Il risultato furono 66 capolavori in 18 mesi, che segnarono una svolta nella sua carriera e influenzeranno il fauvismo e il cubismo, portando a loro volta all’avvento dell’arte moderna. Il film è costruito attorno a questo momento.

A050R0KQ

Fino a che punto è rimasto fedele alla materia prima di “Noa Noa”?

Il periodo di “Noa Noa” (1891/1893) condensa tutti gli aspetti personali, artistici e politici della sua ricerca. “Noa Noa” segna la sua rottura con la civiltà, la sua fantasia di vivere come un selvaggio, che poteva finalmente realizzare. Significava anche l’incontro decisivo con i tahitiani, in particolare Téhura. Tutto ciò costituisce la materia prima del film. Abbiamo adattato liberamente “Noa- Noa”. Tutti i personaggi del film esistevano nelle immediate vicinanze di Gauguin ma abbiamo esplorato alcuni canali che avevano una maggiore risonanza per me. Abbiamo dovuto trasmettere un resoconto e sondare la posta in gioco, cosa che “Noa Noa” non fa necessariamente. La “verità storica”, i fatti che hanno resistito alla prova del tempo, hanno fornito alcuni punti concreti di riferimento ma non c’è una verità assoluta. Nello scrivere “Noa Noa”, Gauguin stava già rivisitando i fatti, abbellendo la sua avventura; stava già costruendo la sua leggenda. Alla fine, la cosa fondamentale era avvicinarsi all’essenza dell’uomo stesso, il personaggio che era Gauguin; alla sua profonda umanità, qualunque cosa si pensi della sua eredità politica o artistica. 

Il film è sia politico che attraversato dalla questione della religione.

I due aspetto sono collegati. A Tahiti, i cambiamenti sia nella religione che nel regime sono avvenuti in un unico movimento, che ha impiegato circa 50 anni per cambiare radicalmente il volto dell’isola. Gauguin arrivò a Tahiti la stessa settimana in cui morì l’ultimo re polinesiano, Pomare V. Si tratta di un’incredibile concomitanza di eventi: Gauguin alla ricerca del primitivo, dell’“umanità dell’infanzia” come la chiamava, sbarca a Tahiti proprio quando l’isola ha voltato pagina da oltre 2000 anni di cultura indigena, abbandonandosi definitivamente alle armi della Repubblica francese. I personaggi di Téhura e Jotépha rappresentano una popolazione in mezzo a grandi sconvolgimenti. Téhura fa parte del movimento sull’isola che comporta una graduale erosione di credenze e tradizioni ancestrali. Vuole andare in chiesa, vuole un vestito. Quando Gauguin dipinse il volto e l’anima della Polinesia nello stesso movimento, stava documentando una civiltà che stava scomparendo. Stava catturando qualcosa che stava svanendo. Ho trovato molto commovente che nello stesso momento un’immagine stava scomparendo e apparendo. Tutte le tele di Gauguin sono attraversate da una malinconia che ha sicuramente qualcosa a che fare con la fine di un’era per i suoi modelli tahitiani. Non è facile sapere se l’inquietudine metafisica che si può percepire nell’opera di Gauguin sia dovuta ai modelli che stava dipingendo, o ai suoi sentimenti interiori; probabilmente entrambi. Gauguin era di natura travagliata, “infinitamente tormentata”, come scriveva Mirbeau.

Gauguin 3

Molte scene notturne conferiscono al film un aspetto intimo e soprannaturale. Quanta importanza attribuisce ai fantasmi in questa storia?

Infestano tutto il lavoro di Gauguin e come tali sono molto presenti nel film. Ciascuno dei dipinti tahitiani di Gauguin porta il suo carico di spiriti e idoli primitivi. Attraverso di loro, l’artista si sforza di rianimare una cultura in declino. Di notte a Tahiti l’aria si carica davvero di figure spettrali. E il cinema stesso è una questione di fantasmi. Assayas una volta disse: “Il cinema è l’arte di far parlare i fantasmi”. L’ho sempre trovato molto pertinente.

“Ho bisogno di immergermi di nuovo nella natura vergine, per vedere solo selvaggi, per vivere la loro vita”. 

Paul Gauguin, L’Echo de Paris, 1891