Berni

Berni e Il Giovane Faraone, l’avventura egizia di Marco Chiarini

Dal 20 al 22 luglio sarà nelle sale il film evento speciale Berni e il Giovane Faraone. Prodotto da Piero Crispino per 3Zero2 e co-prodotto da The Walt Disney Company Italia con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte, il film sarà presentato in anteprima sabato 19 luglio alla 49^ edizione del Giffoni Film Festival con una proiezione speciale alla quale seguirà un incontro con il regista Marco Chiarini.

Il film

Ram (Jacopo Barzaghi), un ragazzo di tremila anni figlio della potente dinastia di faraoni Ramsete, viene catapultato nel caotico mondo contemporaneo. Un adolescente che era stato educato per essere venerato e governare che si ritrova a essere trattato come un diverso. Berenice (Emily De Meyer) è una giovane ragazza che vive sulla sua pelle il disagio tipicamente adolescenziale di sentirsi sempre fuori posto e che si ritrova coinvolta in una lontana e misteriosa profezia egizia, e attraverso il suo sangue, risveglia una mummia nel museo Egizio di Torino. Insieme, i due ragazzi vivranno un’avventura avvincente, piena di elementi fantastici e di riferimenti alla storia dell’antico Egitto.

Il Museo Egizio di Torino

Girato in parte all’interno del Museo Egizio di Torino, tra suggestive location come la Galleria dei Re e il Tempio rupestre di Ellesija, Berni e il Giovane Faraone catapulterà il pubblico in una favola tutta italiana che unisce la modernità del XXI secolo al fascino dell’antico Egitto. Interpretato dai giovanissimi Jacopo Barzaghi ed Emily De Meyer, il film vede inoltre la partecipazione di Gigio Alberti e con Alessandra Faiella, Angelo Pisani, Silvia Giulia Mendola, Pierluigi Madaro, Anastasia Bruno, Chiara Cardea, Rebecca Decò, Lorenzo Dellapasqua, Riccardo Forte, Aysha Sulla, Gaia Zucca.

Berni Faraone

Marco Chiarini racconta…

Ho lavorato per creare la storia che avrei voluto vedere quando avevo 8 anni, con avventure, paura, baci affettuosi, ricordi emozionanti ed enigmi da risolvere. In questo film il pubblico troverà un cattivo vero, che fa paura. Ecco: tutte le scelte artistiche sono state guidate da un profondo e sincero rispetto per il pubblico di giovanissimi, trattando temi complessi con grande sincerità e passione, senza ammiccamenti infantili“.