(foto di Jacek Drygała)

Corpi di Malgorzata Szumowska: chi ama non è mai malato

(foto di Jacek Drygała)

Vincitore dell’Orso d’Argento come Miglior Regia all’ultimo Festival di Berlino, è dal 5 novembre al cinema Corpi, il film polacco diretto da Malgorzata Szumowska che si è recentemente aggiudicato le nomination per la Miglior Regia e il Miglior Montaggio (realizzato da Jacek Drosio) agli prossimi European Film Award.

Janusz (Janusz Gajos) non è un uomo facilmente impressionabile. Come Procuratore, si impegna in precise ricerche, analizzando la scena del crimine nei minimi dettagli. Nonostante le situazioni estreme con cui si scontra, lavora duro. Forse troppo. Eppure, di fronte a sua figlia Olga (Justyna Suwała), anoressica, ancora in lutto per la morte della madre, si sente impotente.

È una storia, velata di ironia, in cui le difficoltà di superare i lutti fanno scontrare/incontrare corpi reali (quello di un padre che non riesce ad aiutare la figlia, anoressica dopo la morte della madre) e invisibili, come quelli con cui pensa di essere in contatto la psicologa che ha in cura la figlia del Procuratore, Olga.

(foto di Jacek Drygała)

(foto di Jacek Drygała)

Małgorzata Szumowska, per raccontare ciò, lavora con elementi di commedia nera, narrando le difficoltà che le persone incontrano quando lottano per far fronte alla perdita di persone care. Il film esplora l’intimità dei personaggi ed il loro desiderio di fuga nell’esoterico. Una meditazione profonda ed umoristica sulla solitudine del cuore ed il conflitto tra il razionale e la fede in un universo sovrannaturale. Lasciamo ora spazio all’intervista che la regista ha rilasciato.

Qual è stato lo spunto iniziale per Corpi?

Volevo fare un film sull’anoressia. Ci ho pensato a lungo, ma poi ho sentito che questo tema sarebbe stato così ermetico che non avrebbe raggiunto il pubblico. Tuttavia, la trama incentrata sul personaggio di Olga e l’idea che un corpo ha molti significati diversi erano ancora presenti nella mia mente. Un corpo – fisico, astrale, morto – potrebbe essere trattato come un oggetto, potrebbe essere adorato e odiato. Quindi, questa storia è emersa dal materiale che il corpo è.

(foto di Jacek Drygała)

(foto di Jacek Drygała)

Il film mostra vari approcci al nostro rapporto con il nostro corpo e la nostra esperienza sensoriale del mondo. Può spiegarli?

Olga odia il suo corpo, che vede come qualcosa di inutile. Lei vuole essere libera, essere priva della sua corporeità. Lei è una vittima di questa ricerca contemporanea di un corpo ideale che alla fine non esiste affatto. Suo padre non sa come aiutarla. Vede cadaveri nella sua vita di tutti i giorni, che nel suo mondo pragmatico e solitario diventano solo oggetti. Non crede in nulla. Anna, che crede nella disincarnazione – o, in altre parole, nei fantasmi – cerca di convincerlo a credere. Ogni personaggio è in qualche modo intrappolato nel suo corpo. Lui è vecchio e amareggiato, mentre Anna ha, in un certo senso, perso la sua sessualità.

Dove ha trovato le ragazze dell’ospedale, non sono professioniste, giusto? Come hanno fatto esperienza di recitazione della loro malattia?

Le ragazze sono state trovate su Facebook, insieme a Justyna Suwala che interpreta il ruolo di Olga. Penso che sia stata davvero una specie di terapia per loro. Scherzavano sul fatto che dal momento che stavano recitando in un film nessuno le costringeva a mangiare. Poiché sono state improvvisate le scene con loro, c’è molto di loro nei personaggi che interpretano. Mi piace lavorare con attori non professionisti – hanno qualcosa di non replicabile – la verità.

(foto di Jacek Drygała)

(foto di Jacek Drygała)

Qual è il tuo rapporto con il tuo corpo?

Non so se riesco a descrivere il nostro rapporto come amicizia. Faccio un sacco di esercizi, così alla fine tormento il mio corpo e cerco di indossarlo. Voglio che mi serva, come una macchina indistruttibile, che mi permetterà di fare nuovi film in futuro. Pratico yoga da un paio di anni – l’elemento successivo della cultura postcattolica in Polonia! Invece di pregare, faccio esercizi fisici. Il mondo sta cambiando.