Fortini 0

Memorie Per Dopo Domani, al via un documentario su Franco Fortini

Domenica 15 dicembre a Roma, presso l’Associazione Marmolata 169, a partire dalle 18 verrà presentata una campagna di raccolta fondi di Produzioni dal Basso per realizzare Memorie Per Dopo Domani, un progetto di documentario – che sarà diretto da Lorenzo Pallini – che racconterà la figura di Franco Fortini, poeta, saggista, critico letterario, traduttore e scrittore. Un intellettuale a tutto tondo, una figura fondamentale all’interno del mileu culturale italiano, che ha avuto una particolare influenza soprattutto sul movimento del ’68.

Fortini 1

Memorie Per Dopo Domani non è solo un progetto personale, ma è il risultato di una serie di incontri ed esperienze, il frutto di tante voci che si uniscono per dare vita a un’immagine collettiva di Franco Fortini. Il documentario, che verrà proiettato alla presenza di Lorenzo Pallini, tenterà di ricostruire la formazione della visione poetica e politica di Fortini, recuperando tra le “macerie del passato” ciò che ancora può essere prezioso per il nostro presente e utile per il nostro futuro. Per realizzare il documentario, Pallini ha attinto dall’Archivio Fortini, l’archivio privato di Franco Fortini – comprendente lettere, manoscritti, documenti inediti, disegni e pitture – che lui stesso aveva donato alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Siena prima della sua scomparsa, nel 1994. Oltre ai materiali provenienti dall’Archivio Fortini, il regista ha scelto di inserire nel film diversi filmati storici, con l’idea fissa di farli “scontrare e reagire” (come fossero frammenti o schegge) in maniera dialettica con le immagini odierne.

Fortini 2

Come partecipare

Grazie al crowdfunding su Produzioni dal Basso, sarà possibile contribuire a coprire i costi legati ai diritti di utlizzo dei filmati d’archivio e alla post-produzione del documentario. Per maggiori informazioni sulla campagna e sulle ricompense previste:
https://www.produzionidalbasso.com/project/franco-fortini-il-documentario/

“Quando si pronuncia la parola cultura, viene fatto di pensare ai libri e allo studio; perché per i più, infatti, cultura equivale a un sistema più o meno organizzato di conoscenze intellettuali. Per altri, e per noi, cultura è invece il modo nel quale gli uomini producono quanto è necessario alla loro esistenza, la particolare maniera, mutevole per il mutare dei mezzi di produzione, con la quale essi entrano in rapporto con gli altri uomini e con le cose”.

Franco Fortini, 1945