© Warner Bros. Entertainment Inc.

Shaft, da Richard Roundtree a Samuel L. Jackson e Jessie Usher

© Warner Bros. Entertainment Inc.

Già disponibile in 4K, da venerdì 30 ottobre a giovedì 5 novembre su Infinity Premiere arriverà Shaft, il film diretto da Tim Story, quinto capitolo della saga iniziata negli anni Settanta – in cui tre generazioni della famiglia Shaft uniscono le forze. Il film vede infatti protagonisti Samuel L. Jackson, Jessie Usher e Richard Roundtree.

Il film

JJ Shaft (Jessie Usher) lavora come analista dati per conto dell’FBI. Un giorno il suo migliore amico, Karim Hassan (Avan Jogia), muore apparentemente per un’overdose di eroina. Non accettando il fatto che Karim sia morto in questo modo, dal momento che aveva smesso di drogarsi e conduceva una vita pulita, decide di indagare per conto proprio, andando a chiedere aiuto a suo padre, John Shaft (Samuel L. Jackson), che lo aveva abbandonato venticinque anni prima per via della vita da poliziotto troppo pericolosa. Dopo che i due si ritrovano, John Shaft decide di aiutare JJ nelle indagini. Presto quest’ultimo scoprirà che il padre utilizza dei sistemi poco ortodossi e grossolani per raggiungere l’obiettivo. Tuttavia, grazie alla collaborazione fra i due, riusciranno a risalire ad un ingente traffico di stupefacenti e a sgominare l’intera organizzazione.

Tre generazioni a confronto © Warner Bros. Entertainment Inc.

Tre generazioni a confronto © Warner Bros. Entertainment Inc.

La storia di John Shaft

A quasi vent’anni dal precedente (e omonimo) Shaft (2000, regia di John Singleton), Samuel L. Jackson torna ad interpretare lo sfrontato detective in questo quinto film della serie cinematografica iniziata nel 1971 con Shaft Il Detective (regia di Gordon Parks) e proseguita con Shaft Colpisce Ancora (1972, ancora con la regia di Gordon Parks) e Shaft E I Mercanti Di Schiavi (1973, regia di John Guillermin). In questo nuovo capitolo diretto da Tim Story, tra i protagonisti torna Richard Roundtree, l’interprete storico di John Shaft nei primi tre film. Creato nel 1970 dallo scrittore bianco Ernest Tidyman come risposta afro-americana al James Bond di Ian Fleming, il personaggio di John Shaft, oltre alla saga cinematografica, è stato al centro anche di sette romanzi ed una serie televisiva, andata in onda in sette episodi tra il 1973 ed il 1974 (sempre con l’interpretazione di Richard Roundtree).