Photo Nick Wall

Ti Presento Patrick, quando i cani ci cambiano la vita

Photo Nick Wall

Giovedì 4 luglio arriverà nelle nostre sale Ti Presento Patrick, la commedia britannica – diretta da Mandie Fletcher – che celebra l’amore universale per i nostri animali domestici, raccontato attraverso gli occhi di una giovane donna, la cui vita cambia in meglio quando eredita inaspettatamente un cagnolino viziato.

Il film

Sarah (Beattie Edmondson) è stata lasciata dal fidanzato. Mentre la sua vita sta andando in pezzi, riceve in eredità dalla nonna un cane, il viziatissimo carlino Patrick. Adattarsi alla sua ingombrante e disastrosa presenza non sarà facile ma Sarah pian piano si affezionerà a lui e non solo. La presenza di Patrick, come per magia, aiuterà Sarah a ritrovare l’orgoglio, la grinta e soprattutto l’amore. . Dal momento in cui entra nella vita di Sarah, Patrick riesce in qualche modo a devastarla – a cosa stava pensando la sua nonnina? Ma dato che quel piccolo diavolo continua a scombussolare il suo mondo, forse aveva le sue ragioni, dopotutto.

Photo Nick Wall

Photo Nick Wall

Una storia universale

Ti Presento Patrick è il debutto della sceneggiatrice Vanessa Davies, che è stata ispirata dai suoi stessi cani e dalle persone che ha incontrato mentre passeggiava nel verde quartiere londinese di Richmond Upon Thames. In quel momento è nata l’idea di Ti Presento Patrick, la semplice storia di come la vita di una giovane donna si sia trasformata con l’arrivo di un cane indesiderato. “Quando hai un cane non sei mai veramente solo – ha raccontato Vanessa Daviesquesto film rappresenta una storia universale, si tratta di quel legame speciale con i nostri animali domestici, i cani in particolare e il modo in cui cambiano le nostre vite. Riguarda l’amore che ci danno, la lealtà, sapendo che non sei mai solo se c’è un cane al tuo fianco. Nel caso di Sarah, lei ha perso la sua strada e la sicurezza in se stessa, ma grazie all’astuta lungimiranza di sua nonna, trova la salvezza nella forma più improbabile di questo piccolo carlino“.