Joker 0

VENEZIA 76 – Joaquin Phoenix è il Joker, Pablo Larraín presenta Ema

Senza dubbio è Joaquin Phoenix il grande ospite di oggi alla 76. Mostra del Cinema di Venezia. L’attore è infatti atteso al Lido per presentare, in Concorso, Joker, l’attesa pellicola diretta da Todd Phillips sull’iconico personaggio/antagonista di Batman di cui ha vestito i panni. Secondo film in gara di oggi sarà Ema di Pablo Larraín.

"Joker"

“Joker”

Joker

Joker è un film sul nemico per eccellenza ed è un racconto originale e autonomo, mai visto sul grande schermo. L’analisi sviluppata da Phillips del personaggio di Arthur Fleck, interpretato in maniera indimenticabile da Joaquin Phoenix, ci restituisce un uomo che cerca di trovare il suo posto nella società in frantumi di Gotham City. Clown di giorno, la notte aspira a essere comico di cabaret, ma si accorge di essere uno zimbello. Prigioniero di un’esistenza ciclica, tra apatia e crudeltà, Arthur prende una decisione sbagliata che innesca una reazione a catena di eventi, in questo crudo studio di personalità.

Il regista Todd Phillips ha dichiarato: “mi ha sempre attratto la complessità di Joker e ho pensato che sarebbe stato interessante esplorarne le origini visto che nessuno lo aveva ancora fatto. Parte del suo mistero stava proprio nel non avere un’origine definita, quindi Silver Scott e io ci siamo seduti a scrivere una versione di come poteva essere prima che tutti lo conoscessimo. Abbiamo conservato certi elementi canonici e abbiamo ambientato la storia in una fatiscente Gotham City a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta, epoca a cui risalgono alcuni grandi studi di personalità del cinema che amo. L’abbiamo scritta pensando a Joaquin Phoenix perché quando recita è capace di trasformarsi e va sempre fino in fondo. Speriamo di aver creato un personaggio per il quale emozionarsi, per cui parteggiare, fino al punto in cui non sarà più possibile“.

"Ema"

“Ema”

Ema 

Secondo film in Concorso oggi è Ema di Pablo Larraín, una meditazione sul corpo umano, sulla danza e sulla maternità. Protagonista è Ema (Mariana Di Girolamo), una giovane ballerina che decide di separarsi da Gastón (Gael García Bernal) dopo aver rinunciato a Polo, il figlio che avevano adottato ma che non sono stati in grado di crescere. Per le strade della città portuale di Valparaíso, la ragazza va alla ricerca disperata di storie d’amore che l’aiutino a superare il senso di colpa. Ma Ema ha anche un piano segreto per riprendersi tutto ciò che ha perduto.