Gli Spostati 4

Gli Spostati, una delle perle di John Huston

Oggi, esattamente 30 anni fa, moriva uno dei più importanti artisti del cinema americano, John Huston. Attore, sceneggiatore e regista, Huston ha scritto pagine indelebili di cinema arrivando a vincere, nel 1949, due Oscar per Il Tesoro della Sierra Madre, per la Miglior Sceneggiatura e per la Miglior Regia. Noi oggi però lo vogliamo ricordare attraverso un film che girò nel 196o: Gli Spostati. Sceneggiato da Arthur Miller e con la partecipazione di Clark Gable (che morì di infarto subito dopo le riprese) e Montgomery Clift, si tratta dell’ultima pellicola interamente girata dalla indimenticabile attrice protagonista, Marilyn Monroe.

John Huston e Marilyn Monroe sul set de "Gli Spostati"

John Huston e Marilyn Monroe sul set de “Gli Spostati”

La storia ha come protagonista Roslyn (la Monroe) che è venuta a Reno per divorziare. Invece di tornare a casa, per mezzo dell’amica lsabelle (Thelma RItter), si imbatte nel cowboy Gay Langland (Gable) e nella sua truppa. Quando lui la invita a caccia di mustang con i ragazzi, inizialmente le sembra un’occasione di divertimento, finché non scopre che la caccia consiste nel sorvolare con un biplano i cavalli selvaggi per poi catturarli al lazo approfittando della stanchezza e della confusione degli animali.

Roslyn non sopporta di vedere queste creature bellissime ridotte a cibo per cani da “tre cents al chilo”, per cui implora Gay di smettere, spingendosi anche a offrire di comprare gli animali. Quando lui rifiuta e cattura una giumenta che ha ancora il puledrino, Roslyn non ce la fa più. Corre nella landa desolata, e un ululato animalesco le sfugge dalla gola e colpisce il pubblico come la lama di una sega circolare.

FB2

In quel lamento doloroso, l’attrice tira fuori tutto, grazie al Metodo. Le famiglie adottive, gli abusi sessuali, i divorzi, le botte, gli aborti, i ricoveri in ospedale, gli abbandoni, la droga: il baratro sempre più ampio fra il suo Io sofferente e la bionda, flessuosa ed eterea che sbatte gli occhi truccati agli spettatori senza volto accalcati nel buio.

Meno di due anni dopo aver girato questa scena, Marilyn Monroe era morta. In Gli Spostati c’è il suo testamento, e questa scena esprime la condanna di un pubblico che la guardava con occhi sgranati senza mai vedere le sue notevoli doti di attrice. “Siate felici solo quando potete vedere qualcuno morire!”, urla nel deserto riarso, e le sua parole toccano il nostro senso di colpa per la complicità che abbiamo avuto nella sua fine.

Gli Spostati 3

Come scrisse MorandiniGli Spostati è uno dei film più hustoniani di John Huston, una “trenodia sulla fine dei cavalli nell’America che cambia, la storia di una comunità di sbandati, un’analisi del malessere nella società nordamericana”. E in questo scenario spicca lei, Marilyn, con un personaggio scrittole su misura, più luminosa e vulnerabile che mai.