COP

Il Mio Vicino Totoro di Hayao Miyazaki torna rimasterizzato al cinema

Il 12 e 13 dicembre torna al cinema in versione rimasterizzata Il Mio Vicino Totoro, il lungometraggio diretto nel 1988 dal premio Oscar alla regia Hayao Miyazaki. Dopo Il Regno dei Sogni e della Follia, Quando c’era Marnie e Nausicaä della Valle del Vento, continuano così al cinema i festeggiamenti dei 30 anni dello Studio Ghibli.


Le sorelline Satsuke e Mei (11 anni la prima, 4 la seconda) si trasferiscono insieme al padre in una nuova casa, in campagna, in attesa che la madre venga dimessa dal vicino ospedale.  Per le due bambine inizia un viaggio alla scoperta di  un nuovo mondo, abitato da creature fantastiche: dai piccoli nerini del buio, spiritelli della fuliggine che occupano le vecchie case abbandonate, visibili solo agli occhi dei bambini, Gattobus, un gigantesco felino dotato di 12 zampe e capace di trasportare parecchi passeggeri e poi  a buffi esseri di pelo di varie dimensioni.

Tra questi c’è anche Totoro, una creatura grigia e morbida dall’aspetto un po’ pittoresco, una sorta di incrocio tra un orso e un grosso gatto. Totoro è uno spirito buono della foresta, colui che porta il vento, la pioggia, la crescita. Vederlo è un privilegio. Insieme a lui, Satsuke e la piccola Mei vivranno avventure straordinarie, all’insegna dell’amicizia.

1

In questo capolavoro dell’animazione, distribuito da Lucky Red, il regista nipponico racconta per la prima volta il mondo magico dei bambini, dove tutto può essere una sorpresa e c’è una nuova avventura in agguato dietro ogni angolo. La storia, ambientata negli anni ’50, mostra il piccolo villaggio di Matsu no Gô, ben lontano dalla tecnologia associata al Giappone, dove il contatto con la natura regna sovrano.

A vent’anni dalla sua uscita l’eleganza dell’opera rimane inalterata, mantenendo la sua capacità di insegnare ad adulti e bambini come riconoscere la bellezza nelle piccole cose.